Avventure Trentino Alto Adige,  Le mie avventure

Dalla Val Passiria al Pan di Zucchero – Zuckerhutl

Il Pan di Zucchero ( Zuckerhutl in tedesco ) mi affascina dai racconti di mio papà, di quando durante il militare salì da Moso in Passiria al Rifugio Müllerhutte ( Rif Cima Libera 3145 m) passando per il ghiacciaio di Malavalle.

pan di zucchero la cima
Vetta del Pan di Zucchero


Salì con i suoi compagni la bellissima ed esposta cresta fino alla cima del Wilder Pfaff (Cima del Prete 3456 m) per poi scendere in forcella  Pfaffensattel (3344 m) e salire quel maestoso cono innevato: Zuckerhutl, il Pan di Zucchero 3508 m. E’ la vetta più alta del gruppo delle Alpi dello Stubai (Alpi orientali sottogruppi Alpi Breonie) e costituisce il confine italo-austriaco.

lo Zuckerhutl visto da Cima del Prete
Zuckerhult, in tedesco

Al tempo, mi racconta, l’ambiente e il rifugio erano molto diversi: il Pan di Zucchero se lo ricorda come un baldanzoso corno di neve  innevato quasi fino alla cima, sulla quale non era posta la croce. Il panorama dalla vetta regalava un 360 spettacolare sulle vette completamente innevate.

62 anni dopo ho fatto lo stesso giro ed emozioni immense mi hanno accompagnata lungo la cresta che parte dal rifugio e sale alla Cima del Prete con passaggi di II grado e tanta esposizione. Poi dalla cima eccolo lì, il Pan di Zucchero, che si alza maestoso dal ghiacciaio. Il panorama mi lascia senza parole ma tornano alla mente quelle di mio papà. Alle 10 siamo sulla cima e piango di felicità. Sono estasiata.

Pan di zucchero
Pan Di Zucchero

Restiamo soli in vetta per circa 5 minuti, al seguito avevamo un gruppo di ragazzi molto veloci che ben presto erano sulla cima con noi. In quei cinque minuti ho provato una gioia immensa, ho contemplato la croce, e ho ringraziato la montagna per avermi accolta in una giornata grandiosa.

La Cresta che sale a Cima Del Prete

Al ritorno ce la prendiamo con più comodo. La discesa dal Pan di Zucchero meglio di quello che pensavo, quella dalla Cresta di cima del Prete un po’ più impegnativa. Arrivo in rifugio, chiamo mio papà “l’abbiamo fatto papi, ti mando le foto su whatsapp”.

La mia felicita, dietro di me la cima appena fatta
Dietro di me la cima appena fatta

Vi lascio di seguito il video che trovate sul mio canale YouTube, che racconta questo bellissimo “viaggio” dall’inizio, dalla Val Passiria, passando per il meraviglioso Lago Nero del Tumulo, itinerario fino al lago adatto un pò a tutti con un minimo di dimestichezza in montagna.

Ciao! Sono Stefy, qui trovi la mia passione per la montagna a 360°!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.