Sass de Stria 2477 m: sulle tracce della Grande Guerra


La Selletta, ricoveri Guerra
La Selletta, ricoveri Guerra

Il Sass de Stria e’ una montagna di grande interesse storico in un ambiente spettacolare fra le più belle cime delle Dolomiti. Si trova fra il Lagazuoi e il Col di Lana e durante il Primo Conflitto Mondiale fu al centro di aspri combattimenti di cui oggi vediamo le numerose testimonianze. Gallerie, camminamenti, postazioni, trincee, ex ricoveri e caserme militare sono solo alcune delle fortificazioni che si possono vedere ad opera degli austriaci dopo che abbandonarono il Forte Tre sassi (oggi museo).

Forte Tre Sassi presso il Sass de Stria
Forte Tre Sassi

Il forte si trova presso il Passo di Valparola punto di partenza della nostra escursione. Fu una caserma costruita fra il 1897 e il 1900 per controllare il Passo Valparola ma ben presto fu abbandonata perchè una struttura “fragile”.

Molto interessante è la Galleria Goiginger lunga 500 metri che attraversa orizzontalmente quasi tutta la parete est del Sass de Stria. Fu costruita dal Generale Goiginger per unire il Passo con la selletta sotto la cima in modo da consentire i rifornimenti evitando il fuoco nemico italiano.

Dentro la galleria Goiginger
Dentro la Galleria Goiginger

La salita alla cima dal Passo Valparola è molto gratificante sia per le numerose testimonianze di guerra sia per il bellissimo panorama sulle Dolomiti, il passo Falzarego (dominato dalla cima), il Lagazuoi, la Tofana di Rozes, in lontananza Marmolada e ancora Antelao sono solo alcune delle cime circostanti.

Monte antelao visto dal Sass de Stria
Antelao

Abbiamo unito i due itinerari percorrendo prima un giro ad anello attraverso la Galleria Goinginger e una volta tornati al Forte Tre sassi percorrendo il sentiero di salita (fra molte trincee) fino alla cima del Sass de Stria 2477 m.

In sintesi

Parcheggio: Museo Forte Tre Sassi – Passo Valparola – coordinate

Periodo: giugno-ottobre (in assenza di neve)

Durata totale: 4-5 ore (dipende dal tempo di visita)

Quota partenza: 2.190 m

Quota arrivo: 2.477 m

Difficoltà: media, alcuni tratti verso la cima con scalette e cordino

Dislivello tot.: circa 450 m (totale di entrambi gli itinerari)

cartina per Sass de Stria
Cartina Sass de Stria

Anello Galleria Goiginger

Dal parcheggio seguiamo la strada a sx della salita alla cima e proseguiamo qualche minuto tenendo il sentiero a destra. Purtroppo non abbiamo trovato indicazioni precise, per cui l’ingresso alla galleria và ricercato. Si segue per qualche metro il sentiero per salire poi su una traccia che corre alla base del Sass de Stria in vista del Passo Falzarego. In prossimità del secondo ghiaione (scarica di sassi) saliamo leggermente e troviamo l’ingresso alla galleria non segnalato. Necessaria torcia o frontale.

Dentro la galleria
All’interno della Galleria

All’entrata troviamo un basamento di quello che fu un gruppo elettrogeno. Nella galleria erano presenti gli alloggi dei soldati, le cucine, i magazzini di artiglieria. Lungo la galleria si aprono costantemente sulla sx altri svincoli su stanze e postazioni di tiro.

All'interno della Galleria
All’interno della Galleria
All'interno della Galleria
All’interno della Galleria
All'interno della Galleria al Sass de Stria
All’interno della Galleria

Usciti dalla galleria giungiamo in pochi minuti alla selletta dove si trovano altre trincee e un villaggio militare scavato nella roccia da visitare.

Panorama verso il Passo Falzarego
Panorama verso il Passo Falzarego
trincee austriache presso la selletta
Trincee austriache presso la selletta
Gallerie presso la selletta
Gallerie presso la selletta
Postazioni di Guerra
Postazioni di guerra
ex villaggio militare
ex villaggio militare

Concludiamo il giro ad anello seguendo le indicazioni per il Passo Valparola.

Salita alla Cima del Sass de Stria

Tornati al Forte Tre Sassi, saliamo fra le tante tracce/sentieri verso la cima, attraversando una fitta rete di trincee che lasciano senza parole. Dopo circa mezz’ora si giunge a un pianoro dove inizia il vero e proprio museo all’aperto della Grande Guerra fra camminamenti scavati nella roccia, manufatti, postazioni, siti storici da visitare.

ex villaggio militare
Ruderi di Guerra
ex villaggio militare
ex villaggio militare
Verso la cima del sass de Stria fra trincee e camminamenti
Verso la cima del Sass de Stria

L’ultimo tratto verso la cima, se non si ha dimestichezza, è forse il più impegnativo in quanto attrezzato con delle scalette metalliche su una fenditura profonda nella roccia. Nulla di così difficile a mio parere.

Camminamenti e trincee verso la salita al Sass de Stria
Camminamenti e trincee verso la salita al Sass de Stria
Camminamenti e trincee verso la salita al Sass de Stria
Camminamenti e trincee verso la salita al Sass de Stria

Si sbuca sulla cima del Sass de Stria a 2477 m, che offre uno scenario favoloso sulle Dolomiti. Il ritorno avviene dallo stesso sentiero di salita.

Croce di vetta al Sass de Stria
La Croce di vetta al Sass de Stria
La Tofana di Rozes
La Tofana di Rozes
Antelo
Antelao

CURIOSITA’: Il Sass de Stria deve il suo nome ad una leggenda locale. Si narra, infatti, che sui prati attorno fossero presenti delle Strie, che in dialetto veneto significa streghe.

Se ti piacciono gli itinerari storici anche il Monte Piana potrebbe fare al caso tuo.


2 commenti su “Sass de Stria 2477 m: sulle tracce della Grande Guerra”

Lascia un commento