Escursioni combinate,  Veneto

PRESEPI DI CAMPODALBERO: vuoi percorrere un sentiero a tema Natalizio? Vieni a Campodalbero in provincia di Vicenza

Una bellissima giornata fra sentieri, natura e presepi da trascorrere durante il periodo di Natale: ci troviamo a Campodalbero, una piccolissima frazione di Crespadoro in provincia di Vicenza incastonata fra le Piccole Dolomiti, in alta valle del Chiampo. La frazione si trova a circa 900 mt di altitudine ed è il punto di partenza per diverse escursioni.

E’ diventata famosa per i suoi bellissimi presepi esposti durante il periodo natalizio e che sono diventati negli anni un evento stupendo con tanto di chioschi, cori di montagna e varie tappe. Purtroppo quest’anno a causa del corona virus la manifestazione è sospesa, ma Campodalbero non si è arresa ed ecco quindi che nasce un progetto nuovo, dal sapore artistico e sacro, dal mio punto di vista estremamente bello: 12 stupende opere, una serie di affreschi sulle mura delle caratteristiche contrade del posto. Un’iniziativa davvero particolare e colorata. Tre sono gli affreschi realizzati quest’anno: La Natività in via Chiesa, Il Pastore ai Graizzari di Sopra, Il Botanico ai Lovati di Sotto. Il progetto finale sarà una sorta di viaggio attraverso le contrade per rievocare i lavori svolti a Campodalbero un tempo.

Qui sotto trovate la cartina dell’itinerario dei Presepi, dove sono riportate tutte le contrade. Si tratta di un giro ad anello ( io l’ho percorso lo scorso anno e ho fatto un sopraluogo pochi giorni fa. A proposito se vuoi vedere il video che ho girato lo trovi qui . Come ho anticipato, il percorso porta alla scoperta di numerosi presepi collocati sulle fontane ( assolutamente da vedere il lavoro grandioso che è stato fatto) e di altri particolari natalizi lungo il percorso. Il Sentiero Degli Angeli, così è stato intitolato nel 2019, è un tributo a Bepi De Marzi e alla sua famosa opera Il Signore Delle Cime

L’itinerario attraverso i presepi

Personalmente ho preferito fare il giro inverso rispetto il percorso originale e la cartina: sono partita dalla contrà Langari (si arriva dalla Val del Chiampo, prov di Vicenza, si prosegue oltre San Pietro Mussolino e poi fino a Ferrazza dove si svolta a destra e salendo su tornanti verso Campodalbero si incontra dopo circa 10 minuti via Langari, si scende 50 metri e sulla curva ho lasciato l’auto. Pochi posti disponibili. Qui sotto la foto con il primo cartello che indica l’inizio del percorso) e ho proseguito per contrà Graizzari di Sotto. In questo modo ho fatto all’andata la salita e al ritorno la discesa. Sono circa 500 mt di dislivello positivo per 9 km di sviluppo. Sull’intero percorso sono posti dei segnavia “Campodalbero, le sue contrà, le sue fontane, i suoi presepi e i suoi colori” ( foto sotto).

Quest’anno, come detto all’inizio, le esposizioni saranno “ridimensionate” di molto, ma vale comunque la pena di fare questo cammino ad anello in ambiente montano che vi permetterà di respirare aria pura, ammirare la passione degli abitanti per il Natale e la cura dei particolari e i tre bellissimi affreschi dipinti da poche settimane. Da domenica 6 dicembre gli allestimenti delle contrade aderenti saranno completati. Ti invito a seguire la pagina facebook Campodalbero Guarda al futuro per tenerti aggiornato su questo evento ed altre iniziative. Clicca il link qui sotto.

https://it-it.facebook.com/groups/1571165323174260/

E dove si mangia qualcosa??

Il posto che vi posso consigliare è il vicino Rifugio Bertagnoli. Si prosegue con l’auto su strada di montagna fino a Campodalbero, si supera la Chiesa ( dove è posto l’affresco che rappresenta la Navità) e si sale fino al termine della strada, davanti al rifugio.

Il rifugio sorge a 1.255 mt, ai piedi della catena delle Tre Croci in Piccole Dolomiti. Il primo rifugio fu inaugurato nel 1949, al tempo chiamato Rifugio La Piatta. L’attuale struttura invece è dedicata all’alpinista Bepi Bertagnoli e fu inaugurata nel 1959. Storico fu inoltre il rifugista Francesco Milani, che ho avuto il piacere di conoscere da piccina quando la mia dolce mamma andava a dare una mano in rifugio. Un uomo dal cuore buono, così me lo ricordo, un nonnino gentile e simpatico. A lui sono intitolati una baita nei pressi del rifugio Bertagnoli e un sentiero.

https://www.rifugiobertagnoli.it/

Quando salgo al rifugio Bertagnoli mi sembra di essere a casa. L’accoglienza calorosa e la simpatia di Alessandro e il suo staff regalano momenti spassosi, frutto di una grande passione che è diventata un lavoro.

Potrai degustare ottimi piatti tradizionali con una ampia varietà di scelta in un ambiente tipicamente montano ( ci si può arrivare in auto ma anche a piedi attraverso strada o sentieri). Il mio piatto preferito? Senza dubbio gli gnocchi “affogati” ai formaggi. Inoltre troverete vasta selezione di grappe prodotte rigorosamente in rifugio, bellissime da vedere , buonissime da degustare.

Il rifugio è inoltre un punto di partenza per numerose escursioni, una via ferrata, escursioni in mtb.

Allora, cosa aspettate a venire a trovarci a Campodalbero?

Ciao! Sono Stefy, qui trovi la mia passione per la montagna a 360°!

2 Comments

    • Passi Sospesi

      grazie mille Francesca, ho avuto la conferma dagli organizzatori che lungo il sentiero si potranno trovare sculture in legno e alcuni giochi per bambini. Una piacevole camminata :). Devo verificare la situazione neve :). Un abbraccio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *